Servizio per i pagamenti verso la PA: il supporto di Regione Lombardia agli EELL

In attuazione dell’articolo 5 del Codice dell’Amministrazione Digitale e del Piano Triennale dell’Informatica per la PA approvato dal Presidente del Consiglio dei Ministri il 31 maggio 2017, tutte le Pubbliche Amministrazioni devono aderire a PagoPA e attivarsi per abilitare i pagamenti elettronici da parte dei cittadini e delle imprese.

In supporto agli Enti Locali che non hanno ancora attivato modalità di pagamento elettronico per tutti i servizi, Regione Lombardia offre un servizio completamente gratuito di intermediazione verso PagoPA, attraverso la soluzione Portale Pagamenti (MyPay).

Ogni Ente può aderire al Portale Pagamenti (MyPay) scegliendo tra tre diverse modalità:

Modalità base: è abilitato il «pagamento su iniziativa del cittadino» da parte dei cittadini, sia anonimi sia autenticati, tramite il portale messo a disposizione da Regione. L’ente riconcilia i pagamenti ricevuti sui propri sistemi grazie a flussi di export delle ricevute telematiche;

Modalità “per flussi”: Oltre al pagamento su iniziativa del cittadino, abilita anche la possibilità di invio dei flussi dei dovuti. L’ente carica sul Portale Pagamenti (MyPay) flussi di debito generati dai propri sistemi informativi. Rimane in capo all’ente il compito di tenere allineati i debiti caricati sul Portale Pagamenti (MyPay) a fronte di eventuali variazioni (di importo, di scadenza, di sussistenza…);

Modalità “Iniziato presso l’Ente”: Oltre al pagamento su iniziativa del cittadino, abilita anche il caso d’uso «Pagamento iniziato presso ente». L’interazione utente-ente avviene tramite le applicazioni dell’ente stesso (portale dell’ente). Le applicazioni dell’ente interagiscono con il Portale Pagamenti (MyPay) per mezzo di web service e, in questo caso, il servizio regionale svolge il ruolo di gateway.

In data 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali, meglio conosciuto come GDPR (General Data Protection Regulation), che:

  • introduce nuove regole su informativa e consenso al trattamento;
  • definisce i limiti al trattamento automatizzato dei dati personali dei cittadini.

Le nuove regole devono essere applicate in modo esplicito dagli Enti che avviano un servizio che preveda il trattamento di dati personali, e a tal fine è stato necessario modificare lo schema tipo di delibera/determina per l’adesione al servizio.

Quindi, anche gli Enti che hanno già deliberato l’adesione al servizio, devono seguire le stesse regole adottando una nuova determina/delibera secondo lo schema tipo che verrà messo a disposizione dei referenti dei pagamenti di ciascun Ente.

A supporto degli Enti aderenti, come previsto dal GDPR, è stata inoltre predisposta una “informativa tipo” che ciascun Ente può utilizzare e pubblicare sul proprio sito istituzionale.

Decreto n. 10114 del 12.07.2018

Documento PDF - 894 KB

Come aderire al servizio in pillole

Documento PDF - 223 KB

Istruzioni per l’adesione al servizio

Documento PDF - 295 KB

Atto di adesione al portale pagamenti

Documento OpenDocument - 32 KB

Modulo Informativa Ente

Documento OpenDocument - 112 KB

Manuale Integrazione Ente

Documento PDF - 1,28 MB

MyPivot - Manuale Integrazione Ente

Documento PDF - 1,34 MB

Informativa privacy tipo

Documento OpenDocument - 38 KB

19/07/2018